martedì 27 marzo 2012

latte di cocco home made



Pensavo che il  latte di cocco fosse all'interno del cocco, un po' come i bambini che pensano che le uova crescono nel contenitore al supermercato,  l'anno scorso in cina avendo occasione di bere il contenuto del cocco direttamente con una cannuccia da un cocco ancora con la sua buccia, mi sono resa conto che in realtà il liquido al suo interno era trasparente e il sapore del cocco era leggero.

Quindi la domanda mi era sorta spontanea, da dove si munge il latte di cocco ??? da un cocorito??
facendo una ricerca nel web ho capito che in realtà non si munge nessuno e  il latte di cocco si ottiene da un semplicissimo procedimento con la sua polpa che mi son divertita a mettere in pratica, ottenendo così la sua polpa e un latte di cocco praticamente senza conservanti come invece spesso i barattoli contengono.

Ma una volta comprato e senza pensarci al momento, arrivata a casa l'altra domanda è stata, ma come cavolo lo apro ........certo non con lo schiaccianoci.......e se lo lanciassi dal quinto piano? ehhhh no .......non si fa.....ok.....potrei far crescere le corna a qualcuno, ma quello è il meno, in realtà perderei il prezioso succo di cocco ^____^ non resta altro che chiedere a santo google, e subito arriva la risposta guardando questo video, io comunque ve lo spiego con i piccoli suggerimenti dovuti alla esperienza pratica,  bene ora possiamo ricavarci il nostro latte di cocco, seguitemi.....


La ricetta partecipa alla bella raccolta di Diario della mia cucina di ricette home made.


Come aprire la noce di cocco
procurarsi una noce di cocco facendo attenzione che sia pesante e che scuotendola si senta bene il liquido all'interno, aprirla bucando prima con un cacciavite e qualche colpetto di martello  sulle tre fossette che si trovano in una delle estremità, versare il liquido che vi è al suo interno in un in una caraffa millimetrata, filtrandolo e mettendolo da parte. Tenendo la noce ferma, date dei colpetti al centro nella parte più bombata rigirandola su tutti i lati e vedrete che si creperà così da aprirsi. Sollevare la polpa facendo pressione sotto alla stessa. La potete conservare per più giorni tenendola in frigorifero sommersa d'acqua, ma anche se la usate nell'immediato tenetela in ammollo così che  la pellicina marrone rimarrà morbida, e potrete toglierla pelandola con un coltello. Ora potrete grattugiare i pezzi pelati, a mano o con un robot che abbia la funzione grattugia.


Prendete il liquido messo da parte e  aggiungetevi tanta acqua quanta ne serve a raggiungere mezzo litro in tutto, versate in una casseruola e portate a bollore, versatelo bollente nella ciotola dove avete messo precedentemente il cocco grattugiato, coprite e lasciate da parte finchè raffredderà.


Prendete poi un panno o un tovagliolo pulito di cotone fino e appoggiatelo in un colino sistemato su un recipiente, scolate il cocco con un mestolo forato e mettetelo nel panno, ora chiudendo strizzatelo ben stretto sopra il recipiente che raccoglierà il latte, ne otterrete poco meno di 500 ml.  poi conservatelo in frigo, dove può rimanere per qualche giorno tranquillamente.

dopo qualche ora comunque, lo troverete così, con uno strato solidificato sopra ( che io ho rotto per mostrarvelo) e il liquido sotto, avremo così sia il latte che il burro di cocco che di solito per il loro uso si mescolano insieme. Io ho usato il latte per una ricetta salata e il cocco grattugiato per una dolce.........prossimamente su questi schermi. Mettetevi alla prova, vi divertirete.


La ricetta partecipa a WHB 327 ospitato da  Terry di Crumpets & Co,
Vi ricordo che se volete partecipare alla raccolta basterà mandare la vostra 
ricetta con foto a  abbbella74@gmail.com e segnalare nel vostro post la vostra partecipazione  alla raccolta. La raccolta verrà pubblicata anche da Haloo (organizzatrice internazionale) per la versione in inglese, mentre Kalyn ne è stata la fondatrice e Brii è l'organizzatrice per la versione italiana. Per saperne di più leggete qui 

11 commenti:

  1. Great! Something I've never made.

    Baci,

    Rosa

    RispondiElimina
  2. Martaaaaaa, ma che figataaaaaaa!Io stavo meditando su cocco essicato, per sperimentare...ma quello freco è tutt'altro paio di maniche!;)
    Besos

    RispondiElimina
  3. Sei troppo troppo troppo avanti!!!!!! Voglio vedere cosa sperimenti ancora!!!
    Baci

    RispondiElimina
  4. bellissimooooo io sono pazza per il latte di cocco!

    RispondiElimina
  5. Bravissima, Marta: un esperimento davvero carino. Confesso di non aver mai usato il latte di cocco proprio perche' non mi va di aprire una lattina. Adesso ho un'alternativa.

    RispondiElimina
  6. Io l'acqua la bevo (fredda e' buonissima) e il latte lo faccio solo con la polpa rimanente :-). Pero' ci vuole una bella pazienza, brava!! :-) Un altro metodo: Dei polinesiani qui in NZ mi hanno detto che scaldano il cocco nel microonde prima, così e' più facile estrarre la polpa... in fatti il cocco importato e' più' secco, ma io non ho il microonde... comunque ho anche delle belle foto su come si apre e usa il cocco qui http://alessandrazecchini.blogspot.co.nz/2011/08/coconut-tree-of-life.html, fatte a Niue, dove ovviamente e' freschissimo :-).

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  7. uhhh ma che brava produttrice di latte di cocco...davvero strabiliante! un baciottone

    RispondiElimina
  8. bene se vi è piaciuto l'esperimento, lasciate le lattine sullo scaffale e procedete, un bacio a tutte!!

    RispondiElimina
  9. che bella idea fare la crema di cocco in casa!

    RispondiElimina
  10. grazie per la tua ricetta!!! aggiorno la lista e ti inserisco nel pdf ^_^

    RispondiElimina

note musicali

Abbecedario culinario mondiale

abbecedario della comunità europea

abbecedario della comunità europea
le mie ricette tradizionali dall'europa

abbecedario gastronomico d'Italia

abbecedario gastronomico d'Italia
le mie ricette tradizonali delle regioni italiane

abbecedario gastronomico

abbecedario gastronomico
le ricette dell'alfabeto culinario, comprese le mie.

i blog gallinosi

Archivio blog

cosa staranno dicendo?

Post più popolari

chi passa da qui

in salute per salutiamoci

foodepix

my foodepix gallery